Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

mercoledì 17 giugno 2009

"Il piccolo libro verde dello Shopping" di Diane Millis

Da sempre, fin dall'infanzia, entrare in libreria nuoce gravemente alle mie finanze.
Ieri ho visto sul bancone, sadicamente in bella vista, questo agile libretto di circa 120 pagine e non ho saputo (voluto?) resistere. Stampato su carta certificata Forest Stewardship Council, si legge in un paio d'ore e offre - come suggerisce il titolo - 250 spunti di riflessione in materia di shopping eco-sostenibile, dai cosmetici ai detersivi, dagli alimenti all'acquisto di un'auto, dai vestiti alle scarpe passando per energia elettrica, gestione e smaltimento dei rifiuti, regali natalizi, libri etc.

Il primo consiglio è lapalissiano eppure sempre efficace: se intorno a noi si assiste a una corsa parossistica all'acquisto e all'incitamento a un consumo sempre più sfrenato, l'autrice esordisce con un semplicissimo "Comprate di meno" che mi ha subito conquistata.

Ogni pagina è suddivisa in due box contenenti ognuno un consiglio e un breve approfondimento, con indicazione di siti Internet, marchi e aziende, uffici, enti e organizzazioni a cui fare riferimento per trovare maggiori informazioni e ulteriori spunti e consigli.
Ogni link e ogni riferimento è stato adattato per l'edizione italiana
, in modo da rendere semplice documentarsi anche per il lettore nostrano.

Non è sicuramente un libro esaustivo né vuole esserlo: è un manuale tascabile che espone in modo chiaro, semplice e lineare una serie di "buone idee" che è utile mettere in pratica per le proprie finanze e per la salvaguardia dell'ambiente.
Sta poi ai singoli lettori cercare volumi più approfonditi su singoli aspetti o argomenti di loro interesse ma credo che sia proprio uno dei punti di forza di libri come questo: non annoiare, non scadere nell'ultra-specialistico, non spaventare chi non è già edotto su una serie di argomenti riuscendo allo stesso tempo a fornire una panoramica interessante e variegata che può servire come ripasso o come introduzione.

Nella stessa collana, Eco Tips, sono usciti altri tre volumetti curati dall'autrice dedicati a Bellezza, Casa e Giardino. Mi sa che almeno quello sulla Casa sarà presto mio.

Il piccolo libro verde dello Shopping
250 consigli risparmiosi per voi e per l'ambiente
di Diane Millis
Morellini Editore, Milano (2009), Eco Tips
pp.128, isbn 978-88-6298-048-7, € 11,90

Dalla scheda del libro
Dal commercio equo e solidale agli oggetti che riducono il vostro impatto ambientale, le vostre scelte di eco-consumatore possono avere enormi effetti sull'ambiente. Con 250 consigli sugli acquisti di auto, elettrodomestici e vacanze, e su prodotti di uso quotidiano come vestiti, detergenti, alimentari, Il libro verde dello shopping vi mostrerà come ridurre di gas nocivi per l'effetto serra, l'inquinamento e i rifiuti grazie ad acquisti intelligenti. Questo libro vi aiuterà inoltre a riconoscere i prodotti che usano risorse sostenibili e che impiegano processi di produzione "verdi".

Le scelte che fate ogni volta che comprate qualcosa hanno un impatto sull'ambiente. Questo libro vi aiuterà a essere acquirenti informati, sia quando fate la spesa al supermercato che quando comprate una nuova auto o una nuova macchina, che prendono decisioni responsabili, per cercare uno stile di vita più ecosostenibile.

Per maggiori informazioni:
Morellini Editore
La scheda del libro

Post precedenti su Moviem@tica:
Blog Action Day... today
"Le rivoluzioni iniziano dai gesti di ogni giorno", da una shopper nera... e da qualche vecchio romanzo di Asimov
Ripulire l'Africa una borsa alla volta... le borse eco-friendly Trashy Bags
In Cina stanno imparando a "portarsi la sporta" evitando la plastica. E in Italia?

Nessun commento: