Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

venerdì 12 giugno 2009

"I bavagli veri passano, mentre la rete si gingilla con la falsa notizia del D’Alia approvato" di Vittorio Zambardino


Sull'approvazione o meno del decreto "imbavaglia-Internet" c'è molta confusione e anche molta ignoranza. Confusione da parte di chi teme di ritrovarsi costretto al silenzio e quindi cerca febbrilmente informazioni senza verificare adeguatamente le fonti, ignoranza da parte di chi non usa Internet o lo usa poco e quindi pensa che un provvedimento che limiti la libertà di espressione sul web non lo riguardi.

Penso invece che un tale provvedimento riguarderebbe tutti eccome, per cui rilancio volentieri I bavagli veri passano, mentre la rete si gingilla con la falsa notizia del D’Alia approvato, firmato da Vittorio Zambardino per il suo blog su Repubblica Scene digitali mercoledì 10 giugno 2009. La scelta dell'immagine scherzosa è invece mia.

Un bavaglio alla rete lo metteranno ma non è quello denunciato dal frate cappuccino, che nessuno conosce, all’agenzia Agi ieri pomeriggio. Il bavaglio lo denuncia Guido Scorza, giurista e”advocate” di rete: col testo che passa oggi con la fiducia alla Camera, quello sulle intercetttazioni telefoniche, arriva anche per i “siti informatici” - e quindi in prospettiva per i blog - l’obbligo di rettifica entro 48 ore e in mancanza di tale adempimento una pesante pena pecuniaria. Il post di Scorza è questo.

Ora di questa misura si potrà discutere e si dovrebbe. Anche perché arriva nel quadro di un vero, pesante bavaglio di ricatto economico posto su tutta la stampa libera, come documenta Giuseppe D’Avanzo su Repubblica di oggi: sanzioni pecunarie gravissime sugli editori perché vigilino e censurino i giornalisti alle prese con le inchieste della magistratura.

E invece, da giorni e settimane, veniamo spammati dal falso allarme del “bavaglio” a internet che proverrebbe dall’approvazione dello “emendamento D’Alia” nell’ambito del decreto sicurezza. Qui si è invano tentato, già parecchi giorni fa, di dire che si tratta di un errore. Perché l’emendamento D’Alia, che prevedeva gravi sanzioni per una serie di comportamenti di rete, era stato sì approvato al Senato, ma in seguito cancellato da un voto “bipartisan” alla Camera. Come confermato direttamente all’autore di questo blog da deputati dei due principali gruppi parlamentari.

E invece no. L’appello del frate cappuccino circola, passa da un’agenzia e grazie a qualche automatismo perfido si guadagna perfino la presenza sui giornali on line, sulla Stampa si indigna Giacomo Galeazzi. E, com’è a questo punto ovvio, spopola sugli agggregatori. Con richiami a testi parlamentari che sono stati superati dai fatti e ad appelli su facebook i cui autori non si sono preoccupati di documentare il “cessato allarme”. E allora ecco il testo integrale del decreto sicurezza così come è stato approvato. E speriamo che questa volta ci se ne faccia una ragione: andate all’articolo 60, che era quello che recepiva l’emendamento D’Alia, e vedrete che accanto ai diversi paragrafi, nella colonna di destra c’è scritto per 5 volte di seguito e per tutto l’articolo: soppresso.

Il bello - e il tragico - di questa vicenda è che non solo coincide con un momento drammatico per la libertà di espressione, che la rete sta ignorando alla grande, ma realizza un effetto di “al lupo al lupo”, che renderà impossibile poi l’informazione corretta quando i disegni di legge realmente censori della rete, che alcuni esponenti della maggioranza hanno nel cassetto, arriveranno in discussione in parlamento.

Coraggio, cari blogger e utenti di Facebook, con la stessa puntualità con la quale avete riportato l’allarme, ora si dissemini la correzione di questa notizia falsa. Devo un ringraziamento ad Alessandro D’Amato che ne ha scritto nelle prime ore di stamattina e ad Alessandro Gilioli che ha già raccolto il mio appello a realizzare informazione corretta su questo punto.

Post precedenti su Moviem@tica:
"La lingua che Grillo sa parlare" di Vittorio Zambardino

Allarme tra i bloggers
"Avete per caso visto passare un caimano?"
"I blogger non sono giornalisti, lo dice la Cassazione"

2 commenti:

Giulia Dellepiane ha detto...

L'ho letto anch'io questo articolo. Ma secondo te, si può essere troppo stanchi anche solo per scandalizzarsi?

Azzurra Camoglio ha detto...

Purtroppo sì.
E personalmente penso sia uno dei motivi per cui ci si trova nella situazione in cui ci si trova: a un certo punto si raggiunge la saturazione e si preferisce diventare indifferenti, in modo da non sentirsi perennemente travolti dai conati di vomito e dalle ondate di schifo.
Mi riferisco ovviamente a chi ha abbastanza neuroni da capire cosa succede, altra categoria in pericolosa diminuzione.