Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

mercoledì 25 marzo 2009

Fino al 25 giugno 2009 la raccolta firme "Acqua pubblica a Torino" - II

Acqua pubblica a Torino: ci metto la firma!
Il testo integrale del flyer della raccolta firme

Da sempre la città di Torino è all’avanguardia nella gestione dell’Acqua pubblica. La costruzione dell’Acquedotto Municipale è stata avviata agli inizi del ‘900 e completata nel 1926. L’amministrazione poteva così dichiarare "…con l’esercizio del proprio acquedotto il Comune ha raggiunto tutti gli scopi che si proponeva, ha assicurato alla città una dotazione idrica buona e sufficiente, ha favorito lo sviluppo industriale, edilizio e quello dei pubblici servizi anche in Comuni contermini, ha risolto annosi problemi igienici, portando l’Acqua in tutto il territorio, non escluse le regioni più eccentriche e meno redditizie …" perché "…abbiamo sempre ritenuto che l’Acqua non debba formare oggetto di speculazione."

Il diritto all’acqua è inalienabile: per questo l’Acqua non può essere proprietà di nessuno, ma deve rimanere un bene condiviso equamente da tutti.

Oggi in tutto il mondo le grandi multinazionali si stanno impossessando dell’Acqua, pertrasformarla in merce e guadagnarci sopra. Mentre si arriva a combattere guerre per il controllo dei bacini idrici, ovunque le popolazioni lottano per vedere garantito per tutti e per sempre il diritto all’Acqua , fonte di vita.

Anche in Italia l’acqua è oggetto di speculazione.

Vogliamo che questo non succeda anche a Torino, e che le angustie del bilancio comunale non servano da alibi per la privatizzazione dei servizi pubblici locali.
Nella nostra città deve essere garantito a tutti l’accesso all’Acqua, senza che questa sia sottoposta alle leggi della concorrenza di mercato.
Insieme possiamo evitare questo rischio!

Firma per introdurre nello Statuto della Città di Torino il principio che l’Acqua è un bene comune e non una merce e quindi per affermare che:
* il servizio idrico integrato non ha scopo di lucro
* la proprietà della rete di acquedotto e distribuzione è pubblica e inalienabile
* la gestione è attuata esclusivamente mediante enti o aziende interamente pubbliche
* ad ogni abitante è garantito gratuitamente un quantitativo minimo vitale d’acqua al giorno

Va invece penalizzato con tariffe più alte lo spreco e il consumo eccessivo di Acqua potabile.

Per maggiori informazioni:
Acqua Pubblica Torino.Org
Elenco completo dei punti di raccolta firme
Tel. 347 944 37 58 - info@acquapubblicatorino.org

Post precedenti su Moviem@tica:
Andrew J. Wollensky: un autore misterioso per una buona causa
Online i risultati del Premio Pianeta Acqua
Alcune domande sulla "lavatrice miracolosa"
Ancora per oggi è possibile prenotare la cena solidale "A tavola per l'acqua"

Nessun commento: