Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

martedì 1 luglio 2008

Rivedere più volte lo stesso film... nelle parole di Olivier Assayas

[Olivier Assayas]

In coda alle Poste, ho divorato in poco tempo Conversazione con Ingmar Bergman di Olivier Assayas e Stig Björkman, da cui è tratto il breve passo che cito, contenuto nell'Itinerario bergmaniano firmato da Olivier Assayas a complemento di tre lunghe interviste concesse da Ingmar Bergman ai due autori del volume.

Dal momento che giusto la settimana scorsa il sondaggio era dedicato al tema Rivedere più volte lo stesso film, l'ho trovato particolarmente efficace e calzante:

Con le opere il cui impatto ci ha colpito a una prima visione innocente, ci confrontiamo sempre con un reale senso di vertigine di fronte alla nostra ignoranza di noi stessi. Poiché la ragione vuole che non si sia visto e compreso nulla, e l'evidenza dice che si è indovinato tutto. Una nuova visione sembra farci apparire nella loro reale chiarezza tutte le intenzioni, un disegno che resta inconcepibile credere che in passato non ci sia scivolato addosso. E invece no: l'opera è penetrata in noi, si è inscritta dentro di noi più durevolmente di quanto potrebbe fare oggi, soggetta alla nostra lucidità e al nostro spirito analitico.

Conversazione con Ingmar Bergman
di Olivier Assayas e Stig Björkman
Torino, Lindau (1994), Saggi, n.5
pp. 105, isbn 88-7180-274-8
Traduzione di Daniela Giuffrida

Per maggiori informazioni:
La scheda del libro su aNobii

Post precedenti su Moviem@tica:
Sondaggio #33: Rivedere più volte lo stesso film...

Nessun commento: