Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

venerdì 26 giugno 2009

Petizione online "No alla rettifica per tutti i "siti informatici" su Firmiamo.It

[Le tre proverbiali scimmiette del "Non vedo, non sento, non parlo",
Immagine da The Oldcopper Website.Org]

"Ho detto tante volte, e l'ho ribadito anche a loro, che il fattore ottimismo è fondamentale per uscire dalla crisi: la gente deve tornare agli stili di vita precedenti e deve rialzare i consumi. Anche perché la gente non ha motivi per diminuire i consumi.
[...] Bisogna far sì che prima di tutto il governo, e in secondo luogo tutte le organizzazioni internazionali contribuiscano a rilanciare la fiducia. [Invece] un giorno sì e uno no escono e dicono che il deficit è al 5%, meno consumi del 5%, crisi di qui, crisi di là, la crisi ci sarà fino al 2010, la crisi si chiuderà nel 2011...
Un disastro: dovremmo veramente chiudere la bocca a tutti questi signori che parlano, magari perché di cose che i loro uffici studi gli dicono possono verificarsi, ma che così facendo distruggono la fiducia dei cittadini dell'Europa e del mondo".

Silvio Berlusconi (Roma, 26 giugno 2009)

Per l'ennesima volta, Silvio Berlusconi attacca la libertà di espressione, di informazione e di parola auspicando la messa a punto di un'accozzaglia di mezzi di comunicazione asservita ai dettami del governo e degli interessi economici delle organizzazioni internazionali e in primis delle banche.
Vuole cancellare o perlomeno ridurre al silenzio coatto qualunque voce fuori dal coro, qualunque espressione di dissenso o richiesta di confronto, qualunque opinione che si discosti anche minimamente dalle posizioni ufficiali del governo e ovviamente dalle sue.

Al di là della gravità delle affermazioni, trovo molto più grave il fatto che ormai esternazioni simili siano all'ordine del giorno e che entrino quasi a far parte del tran tran quotidiano di ogni italiano. Come un elemento "normale", abituale, familiare.

Non c'è invece nulla di normale, abituale e familiare nei tentativi di un funzionario dello Stato di imbavagliare i cittadini e di impedire a chi di mestiere fa informazione di fornire le informazioni, elemento essenziale di uno Stato libero e democratico.

Segnalo intanto la petizione online No alla rettifica per tutti i "siti informatici", scritta e promossa da Ernesto Belisario a nome dell'Istituto per le Politiche dell’Innovazione, che vuole protestare per le recenti disposizioni promosse dal ddl sulla sicurezza [sulla sicurezza di chi, ancora non è dato sapere, almeno ufficialmente] per frenare e irregimentare la pubblicazione di contenuti online.

Per maggiori informazioni e per firmare la petizione online

Post precedenti su Moviem@tica:
Sperando che si tratti di una bufala: A volte ritornano... le ronde

Nessun commento: