Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

martedì 11 novembre 2008

Il cavallo di Troia del make up: la Puposka - Anno secondo, ovvero come sfruttare la multiculturalità per vendere ancora di più

[I 12 articoli della collezione Puposka 2008 della Pupa]

Come volevasi dimostrare...
Per i maghi del marketing non era sufficiente rinverdire i fasti della Puposka tradizionale, per cui hanno appena lanciato le Puposke Etniche [sic] e il Carousel Puposka. Li trovate amabilmente immortalati nel collage che ho amorevolmente realizzato a vostro uso e consumo.

Alla faccia della political correctness (e dell'ordine alfabetico) sul sito della Pupa si possono trovare 12 nuovi articoli della collezione Puposka, di cui 11 sono trousse singole che rispondono agli "evocativi" (?!) nomi di:

  • American small
  • African small
  • Arab small
  • Spanish small
  • Sioux small
  • Oriental small
  • Indian small
  • Alaskan small
  • Arab medium
  • Spanish medium
  • Oriental medium

Per tutte le fans che vogliono raccogliere l'invito [certamente disinteressato, neh!] della Pupa a "collezionarle tutte", la pagina di riferimento sul sito ufficiale segnala allegra e civettuola:

Dall'Alaska all'India, dall'Africa all'America, ecco le tante nuove Puposke, caratterizzate da differenti tratti somatici e dettagli inconfondibili e, all'interno, mille colori.

Volendo essere cinica e pessimista, potrei dire che le trovo abbastanza offensive perché sembrano rinverdire, invece dei fasti della Puposka, una serie di clichés e luoghi comuni sulle diverse tradizioni culturali e sulle differenze etniche. Peggio ancora, su modelli standardizzati e obsoleti della bellezza femminile "esotica" a uso nostrano. Ma lungi da me essere cinica...

Post precedenti su Moviem@tica:

Nessun commento: