Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

domenica 19 ottobre 2008

La stagione 2008/2009 del Balletto dell'Esperia al via con "Oh dolci giardini"

[clicca sull'immagine per ingrandirla]

Giovedì 23 e venerdì 24 ottobre 2008 alle ore 21.00
Teatro Astra (Via Rosolino Pilo n.6 - Torino)

Palcoscenico Danza
Inaugurazione della stagione 2008/2009
del Centro Coreografico Rettilario / Balletto dell’Esperia


Oh dolci giardini
Coreografia, regia, luci Paolo Mohovich
Musiche Felice Giardini, Giovanni Battista Viotti, Franz Joseph Haydn
Costumi Jorge Gallardo
Assistente alla coreografia Miguel Soto Calatayud
Danzatori Christian Alessandria, Roberto Costa Augusto, Vincenzo Galano, Silvia Moretti, Roberta Noto, Elena Rittatore, Davide Valrosso
Produzione Fondazione Teatro Piemonte Europa

Divertissement barocco sensuale e trasgressivo, di estetica contemporanea raffinata e potente al tempo stesso, Oh dolci giardini, su musiche di diversi autori barocchi, racconta l’incontro tra la vita di corte e quella di campagna: cortigiane e contadini, due mondi opposti ma vicini, si attraggono irresistibilmente in un gioco sensuale e onirico.

Ombra mai fu
Coreografia Paolo Mohovich
Musiche Georg Friedrich Händel, Manolo Remiddi
Costumi Jorge Gallardo
Luci Paolo Mohovich, Sergio Rissone
Assistente alla coreografia Miguel Soto Calatayud
Danzatori Christian Alessandria, Roberto Costa Augusto, Vincenzo Galano, Silvia Moretti, Roberta Noto, Elena Rittatore, Miguel Soto Calatayud
Produzione Regione Piemonte, MIBAC per Spazio Piemonte 2008

Ombra mai fu prende spunto da un’aria dell’opera Xerses di Georg Friedrich Händel, che inneggia al godimento del fresco e ombroso riparo prodotto dai rami di un albero. Da qui l’idea di creare una coreografia che esprima il desiderio ancestrale dell’uomo di stare a contatto del mondo vegetale e animale.

Per maggiori informazioni e prenotazioni:
Balletto dell'Esperia
Tel. 011 563 43 52

Post precedenti su Moviem@tica:

Nessun commento: