Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

mercoledì 1 luglio 2009

Mood: Brigitte Helm Vs. Joan Jett... o Cyndi Lauper?!

[Brigitte Helm nel ruolo della Maria malvagia
in Metropolis (1927) di Fritz Lang]

Un abusato luogo comune che personalmente aborro recita "Quando c'è la salute c'è tutto".
E quando la salute non c'è? Allora è meglio pararsi come è possibile, diceva il saggio. E se non lo diceva, si vede che non era saggio abbastanza.

Intrappolata in un periodo molto difficile e logorante in cui la salute è l'ultima delle mie doti, mi consolo questa notte scherzando su complimenti vari ed eventuali. Perché?
Perché la maggior parte delle persone non sa ricevere i complimenti e tende a dissimulare l'imbarazzo svilendo il complimento stesso - "Mi stai prendendo in giro?!" - o mettendo in dubbio l'attendibilità di chi lo formula - "Certo, ma tu non fai testo..." - macchiandosi secondo me di una colpa grave.

Io ritengo che saper accettare i complimenti sia importante e sia un gesto d'affetto e rispetto verso se stessi e verso gli altri. Per anni la palma di miglior complimento mai ricevuto è stata detenuta da "Ti hanno mai detto che assomigli molto alla Maria di Metropolis?" (anno di grazia 1996), seguito a ruota da "Sei ancora la Maria di Metropolis" (anno di grazia 2005).

A insidiare il podio, giunge la new entry "Dal momento in cui ti ho vista mi hai fatto pensare a una qualche rockstar anni Ottanta, è tutta la sera che ci penso!" (anno di grazia 2009).

[Joan Jett negli anni Ottanta]

Che sia merito del look nero-violaceo, dei capelli sconvolti, dei tatuaggi, dei piercing, dei vestiti casual o del mix complessivo di impressioni suscitate dalla mia persona, ho apertamente gongolato e ho ringraziato.
E ho istintivamente pensato allo stile inconfondibile di Joan Jett. Quella vera, sia chiaro, non la pallida imitazione che sta per darne la stellina di Twilight, Kristen Stewart, in The Runaways.

Insomma, meglio la diabolica Maria magistralmente incarnata da Brigitte Helm o la grintosissima Joan Jett degli anni d'oro? O dovrei mollare tutto per omaggiare Cyndi Lauper?!

1 commento:

Adia ha detto...

decisamente più joan jett che brigitte helm
;)