Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

martedì 2 giugno 2009

"La rivolta dello stile" di Ted Polhemus & Pierfrancesco Pacoda

La rivolta dello stile
di Ted Polhemus & Pierfrancesco Pacoda
Padova, Alet Edizioni (2009), Diorami
pp.192, isbn 978-88-7520-152-4, € 16,00
Prefazione di Renzo Rosso
Fotografie di Doriano Zunino

Dalla scheda del libro
La musica è il linguaggio per eccellenza del­le culture giovanili. Espressione di un con­fuso supermarket dello stile, definisce oggi i confini, sottili, delle comunità, e ha sostituito così l’appartenenza a un’etnia basata sulle radici e la tradizione.

Fenomeno sempre più al centro della cultura delle metropoli, dove i ragazzi fondano la loro identità proprio sui suoni nei quali si riflettono. Quegli stessi suoni che non si limitano più a essere canzoni, ma generano linguaggio, abbigliamento, consumi. Quello, insomma, che viene definito “stile di vita”.

Questo libro è una guida alle modificazioni che solcano i codici del lifestyle e della società, ricostruendo una geografia fatta di luoghi, club, stelle del rock e dj di successo che, inconsapevolmente, hanno messo in relazione la strada e i consumi, l’un­der­ground e l’alta moda, sovrap­po­nendo fram­­­menti di una ribellione che passa dal ro­ck’­n’roll a Malcolm X, da Vivienne West­wood ai chicanos che ballano nei club latin only di New York.

Se Ted Polhemus racconta la nascita di una rivoluzione che, attraverso i grandi pro­­­tagonisti della musica bianca e nera, ha contribuito a cambiare il volto dell’A­meri­ca e dell’Europa, Piefrancesco Pacoda rac­coglie il testimone, e fa parlare il presente attraverso le voci dei protagonisti della sce­na musicale, portandoci nei locali, da Lon­dra a New York a Goa passando per Ber­lino, lasciando che a spiegarci cos’è un club sia chi ne costruisce l’immagine e la vita ogni notte.

Nessun commento: