Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

mercoledì 15 ottobre 2008

"La classe - Entre le murs" proiettato in lingua originale a Bologna

[La classe - Entre le murs]

Se vi trovate a Bologna da qui al 23 ottobre 2008, non fatevi scappare l'occasione di vedere La classe - Entre le murs di Laurent Cantet, Palma d'Oro all'ultimo Festival di Cannes, in lingua originale sottotitolato. Ricevo dalla Cineteca di Bologna:

Protagonista del film, girato pressoché interamente fra le quattro mura di una classe di un liceo della periferia parigina, è un vero insegnante (autore dell'omonimo romanzo che ha ispirato il regista) dai metodi alternativi che non esita ad ingaggiare con i suoi spesso irrequieti studenti stimolanti scontri verbali, alla ricerca di un complicato equilibrio tra imposizione di disciplina e maieutico progressismo.

“Io desideravo rappresentare un istituto come un megafono e un microcosmo del mondo, dove i problemi legati all’eguaglianza, in termini di opportunità, lavoro e potere, integrazione ed esclusione culturale e sociale, esistono concretamente” (Laurent Cantet).

Rinunciare all'incredibile e intraducibile melting pot linguistico ed espressivo del film, frutto dell'incontro-scontro fra le molteplici traiettorie etniche sociali dei protagonisti (dall'impeccabile francese bourgeois dei professori, a quello stentato nel pur brillante studente cinese di recenteimmigrazione, al gergo dei giovani afrofrancesi, fino alle incomprensibili lingue native degli immigrati adulti di prima generazione) avrebbe significato tradire l'anima più profonda della pellicola, impietosa rappresentazione della difficile armonizzazione di voci così discordanti in una moderna metropoli multietnica a partire dalla formazione dei suoi giovani cittadini.


Per maggiori informazioni:
La programmazione della Cineteca di Bologna
La scheda del film sul sito del distributore italiano, Mikado
Il sito ufficiale del film in francese

2 commenti:

Giovanna ha detto...

Dovete assolutamente vedere questo film in lingua originale!!! Il doppiaggio è davvero osceno. Gio.

Azzurra Camoglio ha detto...

Ciao!
Fammi indovinare: nel doppiaggio italiano parlano tutti come se provenissero da un quartiere burino di Roma o di Viterbo?
Oppure hanno fatto il giochino dei dialetti italiani?

In ogni caso, grazie del commento e del sostegno!