Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Questo blog non viene aggiornato da novembre 2009 ma resta consultabile online per tutti i lettori, sia quelli affezionati sia quelli di passaggio, che spero trovino i post interessanti e stimolanti.

Sto scrivendo un nuovo blog, in inglese e qualche volta in italiano, A Lot Like Purple.
Se vi va di saperne di più e di dare un'occhiata ai nuovi post, siete i benvenuti.

Cerchi qualcosa?

Ricerca personalizzata

sabato 1 novembre 2008

Dopo la scandalosa intervista di Francesco Cossiga: petizione online su Firmiamo.It

Questa scandalosa intervista a Francesco Cossiga pubblicata il 23 ottobre 2008 su Il Giorno, Il Resto del Carlino, La Nazione gira da qualche giorno via e-mail, in rete, per passaparola.
La pubblico volentieri, perché spero che in tanti la leggano e firmino la petizione su Firmiamo.It che invita la stampa internazionale a tener d'occhio la situazione italiana. In modo tale che quello che accade non passi sotto silenzio o non venga strumentalizzato, come avviene praticamente ogni giorno.

«Bisogna fermarli, anche il terrorismo partì dagli atenei»
di Andrea Cangini - ROMA

PRESIDENTE Cossiga, pensa che minacciando l`uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato?
«Dipende, se ritiene d`essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo.
Ma poiché l`Italia è uno Stato debole, e all'opposizione non c`è il granitico Pci ma l'evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà una figuraccia».

Quali fatti dovrebbero seguire?
«Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand'ero ministro dell'Interno».

Ossia?
«In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito...».

Gli universitari, invece?
«Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».

Dopo di che?
«Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».

Nel senso che...
«Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».

Anche i docenti?
«Soprattutto i docenti».

Presidente, il suo è un paradosso, no?
«Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che in- dottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».

E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere?«In Italia torna il fascismo», direbbero.
«Balle, questa è la ricetta democratica:spegnere la fiamma prima che divampi l`incendio».

Quale incendio?
«Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornerà a insanguinare le strade di questo Paese. E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate rosse non sono nate nelle fabbriche ma nelle università.
E che gli slogan che usavano li avevano usati prima di loro il Movimento studentesco e la sinistra sindacale».

E` dunque possibile che la storia si ripeta?
«Non è possibile, è probabile. Per questo dico: non dimentichiamo che le Br nacquero perché il fuoco non fu spento per tempo».

Il Pd di Veltroni è dalla parte dei manifestanti.
«Mah, guardi, francamente io Veltroni che va in piazza col rischio di prendersi le botte non ce lo vedo. Lo vedo meglio in un club esclusivo di Chicago ad applaudire Obama...».

Non andrà in piazza con un bastone, certo, ma politicamente...
«Politicamente, sta facendo lo stesso errore che fece il Pci all`inizio del- la contestazione: fece da sponda al movimento illudendosi di controllarlo, ma quando, com`era logico, nel mirino finirono anche loro cambiarono radicalmente registro.
La cosiddetta linea della fermezza applicata da Andreotti, da Zaccagnini e da me, era stato Berlinguer a volerla... Ma oggi c`è il Pd, un ectoplasma guidato da un ectoplasma. Ed è anche per questo che Berlusconi farebbe bene ad essere più prudente».

Per firmare la petizione online su Firmiamo.It

Post precedenti su Moviem@tica:

2 commenti:

Anonimo ha detto...

In questi ultimi giorni l’ormai ottantenne Senatore è riuscito a dare il meglio di sé, come si legge qui. a proposito degli episodi di Piazza Navona: una pacifica manifestazione studentesca, osteggiata a bastonate da un gruppo di facinorosi di destra, sotto gli occhi “disinteressati” delle Forze dell’ordine. In mezzo al rincorrersi di testimonianze, riprese video e faziosi tentativi di negare l’evidenza dei fatti, ecco levarsi la voce di Francesco Cossiga, con parole che è difficile interpretare se non come un incoraggiamento alla violenza di Stato. E se c’è già chi si è mosso con un esposto indirizzato alla Procura della repubblica, ipotizzando a carico del Senatore comportamenti tali da integrare fattispecie di reato, io mi voglio limitare a constatare come sia fin troppo facile assumere la “responsabilità” politica di certe dichiarazioni sotto la copertura dell’art. 68 della Costituzione, e come di certi “retroscena” inerenti ad accadimenti occorsi durante la prima Repubblica sarebbe stato preferibile parlare quando su di essi non era ancora caduta la prescrizione.

Azzurra Camoglio ha detto...

Concordo in pieno.
Grazie della tua visita e di aver commentato.